Modalità grafica | Leggibilità normale | Mappa del sito
TAG:

storia dell'arte

STORIA DELL’ARTE                                    

  - docenti -

La Riforma della Scuola media Superiore nelle Linee generali e competenze recita:

 “Al termine del percorso liceale, lo studente ha una chiara comprensione del rapporto tra le opere d’arte e la situazione storica in cui sono state prodotte,quindi dei molteplici legami con la letteratura, il pensiero filosofico e scientifico, la politica, la religione. Attraverso la lettura delle opere d’arte, lo studente deve aver acquisito confidenza con i linguaggi specifici delle diverse espressioni artistiche ed essere capace di coglierne ed apprezzarne i valori estetici. Lo studente deve avere consapevolezza del valore del patrimonio artistico e conoscere per gli aspetti essenziali le questioni relative alla tutela e conservazione deve, inoltre,conoscere i principali metodi storiografici.”  

Considerato pertanto che fondamento della disciplina è la comprensione dei significati storici, culturali ed estetici dell’opera d’arte, unita alla conoscenza e al rispetto del patrimonio artistico; tenuto conto del fatto che la Riforma prevede nel secondo biennio lo studio della produzione artistica dalle origini alla fine del XVIII secolo, gli insegnanti di Storia dell’Arte sentono la necessità di individuare una programmazione che realisticamente, nell’ambito del monte ore disponibile (due ore settimanali), consenta di affrontare i contenuti e, più in generale, le indicazioni suggerite dalla Riforma.

Contenuti disciplinari portanti secondo biennio

Terzo anno: le civiltà di palazzo:Creta e Micene; l’arte greca e l’arte romana; l’arte dei primi secoli del Cristianesimo e la dimensione simbolica delle immagini; l’arte nei secoli XI; XII; XIII e XIV attraverso l’indagine degli stili Romanico e Gotico in architettura, pittura e scultura.

Quarto anno: Il Quattrocento: la nuova interpretazione dello spazio (la prospettiva), della Natura, della Storia e dell’uomo; il primo Rinascimento a Firenze. Il Rinascimento maturo;Il Manierismo e la dialettica Classicismo Manierismo nell’arte del Cinquecento; il Barocco; il Rococò e il Neoclassicismo.

Contenuti disciplinari portanti-

Quinto anno: Il Neoclassicismo il Romanticismo; il Realismo storico; l’importanza della fotografia e gli studi sulla luce e sul colore; l’Impressionismo; il Neoimpressionismo e Postimpressionismo; il Simbolismo; le Avanguardie Storiche; nascita e sviluppi del Movimento moderno in architettura; le principali linee dell’arte dopo gli anni cinquanta del Novecento.

All’interno di un percorso formativo ed informativo, programmato di volta in volta in relazione alla fisionomia delle classi, i contenuti disciplinari saranno affrontati attraverso l’individuazione di criteri guida capaci di fornire agli studenti un chiaro quadro di insieme e un certo numero di significativi approfondimenti. La lettura di opere d’arte emblematiche, l’individuazione di percorsi tematici che si prestino ad una possibilità di lavoro trasversale, l’apertura verso la produzione artistica del territorio sono parte integrante di una programmazione tesa a sottolineare che la opera d’arte non è solo l’insieme di valori formali e simbolici né il frutto di una generica attività creativa ma è una realtà storica, una componente costitutiva del sistema culturale.

Obiettivi didattico-disciplinari

  • Individuazione della storicità dell’opera d’arte e della sua autonomia

  • Riconoscimento della doppia valenza dell’opera d’arte di documento e monumentum

  • Capacità di osservazione e percezione, di analisi, di critica

  • Capacità di collegare i fenomeni artistici e gli altri ambiti disciplinari

  • Acquisizione di autonomia di giudizio

  • Educazione alla conoscenza e al rispetto del patrimonio artistico

Competenze

  •  Analisi e lettura dell’immagine

  • Contestualizzazione dell’opera d’arte in ambito storico

  • Esposizione chiara dei contenuti

  • Elaborazione coerente del testo Riflessione critica

Capacità

  • Conoscenza e assimilazione dei codici del linguaggio visivo

  • Conoscenza e uso del linguaggio specifico

  • Analisi formale e iconologica dell’opera d’arte

  • Capacità critica e di rielaborazione dell’appreso

Strumenti

  • Lezione frontale

  • Lezione interattiva (in entrambi i casi con il corredo di audiovisivi e prodotti multimediali)

  • Libro di testo

  • Letture di pagine critiche

  • Visite guidate

Tra i supporti didattici si segnala la ricerca d’archivio per arricchire la conoscenza dei beni culturali locali e la produzione di lavori multimediali, realizzati dagli studenti, secondo progetti specifici.

  

 





Tag: dipartimenti -






 Scrivi alla Redazione  Versione stampabile  Invia questa pagina