Comune di Cagliari
 Provincia di Cagliari
 Regione Sardegna

 
Vai al Sito dell’ AICC

Associazione Italiana di Cultura Classica

Sezione internazionale
Cambridge
Scuola amica
La ricerca
Piano nazionale
Scuola digitale
Bisogni educativi speciali
 Inclusione scolastica

I Redaettori
Clicca e vai al blog I Redaettori

Blog degli studenti
del Liceo Dettori

SPREADsx

TAG:
Ultimo sondaggio:

 

Chi pubblica nel Sito


Vedi i docenti e non docenti che possono (in quanto vogliono) pubblicare sul sito web del

Liceo Classico Dettori

Il nostro canale video
Tutti i Video sul nostro canale youtube

Progetti PON 2014-2020
PON

Registro Alunni e Famiglie
Apri il registro elettronico

Registro on line Docenti
Apri il registro elettronico

Condividi sui social

Aree Riservate Docenti


Accedi

~ Area Riservata Docenti
~ Area Discussioni Docenti

 

 

Icone utili alla navigazione
Dirigente Dirigente Scolastico
Circolari  Circolari
  Amministraz. trasparente
  Albo pretorio (albo on line)
 Altre notizie dalla segreteria
  Orario delle lezioni
  Info sindacali

Informazione amministrativa

La Segreteria pubblica autonomamente nelle sezioni

Circolari
Segreteria
Albo pretorio
Amministrazione
trasparente

Indirizzo email capc03000v@istruzione.it

Discussioni
Questioni, opinioni e problemi scolastici
Questioni, opinioni, problemi

Notizie
Circolari
Studenti
Minitutorial
Mediateca del Dettori
Rapporti scuola famiglia
Liceo Dettori: storia luoghi persone
Commissione Biblioteca
Elenco Docenti
Accounts al sito
Orario segreteria
Orario delle lezioni
Discipline
Scienze
Religione
Storia dell’arte
Filosofia e storia
Educazione fisica
Lingua straniera
Lettere ginnasio
Latino e greco
Matematica
Italiano
Fisica


#PalermoChiamaItalia2018

 

Una piccola delegazione del Liceo Dettori salpa sulla Nave della Legalità

#PalermoChiamaItalia
presentate al Miur le iniziative per il XXVI anniversario
delle stragi di Capaci e di via d’Amelio

Il 23 maggio 70.000 studentesse e studenti insieme contro le mafie
Tornano la Nave e le Piazze della Legalità
Concorso per tutte le scuole per riflettere sul coraggio
delle donne e degli uomini nei servizi di scorta

Settantamila giovani in tutta Italia uniti per dire il loro “no” alle mafie e alla criminalità organizzata. La Nave della Legalità, che il 23 maggio prossimo porterà studentesse e studenti di tutto il Paese a Palermo per celebrare la memoria delle vittime delle stragi di Capaci e di Via D’Amelio. Le Piazze della Legalità, spazi dedicati al dibattito e alle testimonianze in diverse città su tutto il territorio nazionale. Un bando di concorso, rivolto a tutte le scuole, incentrato sul sacrificio delle donne e degli uomini dello Stato che si sono impegnati per affermare i valori di giustizia e di libertà nella nostra società. #PalermoChiamaItalia anche quest’anno comincia a prendere forma. A presentare oggi al MIUR alcune delle iniziative della manifestazione, organizzata dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e dalla “Fondazione Falcone” per la commemorazione delle stragi di Capaci e via D’Amelio, la Ministra Valeria Fedeli, il Capo della Polizia Franco Gabrielli, la Presidente della “Fondazione Falcone” Maria Falcone, la Presidente dell’Associazione “Quarto Savona Quindici” Tina Montinaro, moglie di Antonio, agente della scorta del giudice Giovanni Falcone.

“Anche quest’anno, - ha dichiarato la Ministra Fedeli - come ogni anno, il 23 maggio, migliaia di studentesse e studenti saranno a Palermo e si riuniranno in molte piazze d’Italia per ricordare le stragi di Capaci e Via D’Amelio che nel 1992 costarono la vita a Giovanni Falcone, Francesca Morvillo, Paolo Borsellino, Vito Schifani, Rocco Dicillo, Antonio Montinaro, Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina. Sono passati 26 anni da quei fatti che scossero profondamente la coscienza civile di tante italiane e tanti italiani. Vogliamo continuare a mantenere attiva la memoria, affinché quel sangue, quell’impegno, quel sacrificio di donne e uomini come noi, dediti al proprio lavoro con passione e con spirito di servizio per il bene comune del Paese, non sia stato vano. L’educazione alla cittadinanza attiva e alla legalità è una spinta trasversale in tutta l’attività formativa del nostro sistema d’istruzione, che abbiamo voluto rafforzare con una serie di iniziative per le nuove generazioni affinché, partendo dal ricordo di quei servitori dello Stato, riflettano sulle responsabilità, sui diritti e sui doveri che derivano da una cittadinanza attiva e consapevole. Il 23 maggio non è una manifestazione puntuale, una commemorazione vuota e rituale. È parte di un percorso di conoscenza e di mobilitazione civile che si perpetua e che rinnoviamo ogni anno. E ogni giorno”.

Nel corso dell’incontro è stato presentato il concorso “Angeli custodi: l’esempio del coraggio, il valore della memoria”, rivolto a studentesse e studenti delle istituzioni scolastiche italiane di ogni ordine e grado, statali e paritarie, per riflettere sul coraggio di donne e uomini della Polizia di Stato impegnati nei servizi di scorta, che difendono la vita degli altri mettendo a rischio la propria e per ricordare quanti hanno sacrificato la loro esistenza nell’adempimento del proprio dovere per difendere la giustizia, la legalità e la democrazia nel nostro Paese.

“È importante ricordare queste donne e questi uomini, parlare del loro impegno. Vogliamo che le nuove generazioni – ha proseguito Fedeli - capiscano di essere parte in causa e parte attiva nella lotta alle mafie e alla criminalità organizzata, che i piccoli gesti quotidiani e i semplici atti di una vita vissuta nella legalità e nel rispetto sono fondamentali per costruire società giuste e libere. Voglio ringraziare per la collaborazione  Maria Falcone, compagna di viaggio ormai da anni, Franco Gabrielli e Tina Montinaro, una donna che ha fatto della memoria del marito Antonio occasione di condivisione e di crescita civile per tutte e per tutti”.

“La memoria del 23 maggio, ogni anno, rappresenta una tappa fondamentale del percorso di educazione alla legalità promosso dalla Fondazione Falcone unitamente al lavoro e all’impegno profuso da centinaia di insegnanti – ha affermato Maria Falcone - L’intento del bando di concorso, presentato oggi, è quello di supportare il percorso di crescita di studentesse e studenti nel solco di donne e uomini che hanno sacrificato la loro vita per i loro ideali di libertà e democrazia. La lotta alla mafia ci impone di impegnarci di più per la diffusione di una cultura dell’impegno e della responsabilità consegnando ai più giovani le storie semplici di persone semplici che hanno fatto grande il nostro Paese”.

“La vera battaglia contro la mafia non è solo la battaglia contro un’organizzazione criminale particolarmente pervasiva è la battaglia per riaffermare i nostri diritti e le nostre libertà – ha sostenuto Franco Gabrielli - Perché a volte pensiamo che i diritti e le libertà possano essere limitati soltanto da un oppressore straniero o da un’occupazione armata, ma ci sono forme di dipendenza e di soggezione molto più subdole e molto più invasive ma non per questo meno preoccupanti per la democrazia. Credo che il modo migliore di ricordare chi è morto nel nome di questi ideali e per questi valori, perché erano dei grandi giudici e dei grandi poliziotti, sia quello di avere coscienza di tutto questo. E siete proprio voi che frequentate il mondo della scuola che potete onorarli al meglio.” 

La premiazione delle scuole vincitrici del concorso avverrà il 23 maggio, in occasione degli eventi commemorativi per il XXVI anniversario delle stragi di Capaci e di via d’Amelio. In quella giornata, inoltre, centinaia di alunne e alunni delle scuole siciliane accoglieranno al Porto di Palermo la Nave della Legalità, che avrà a bordo ragazze e ragazzi delle scuole provenienti da tutta Italia, dando il via come ogni anno alle celebrazioni. Insieme, poi, si sposteranno verso i vari punti della città sedi delle iniziative: l’Aula Bunker, luogo simbolo del Maxiprocesso a Cosa Nostra, nel carcere dell’Ucciardone di Palermo, dove si terrà il momento istituzionale della manifestazione; Piazza Magione, piazza simbolica della città di Palermo nel quartiere Kalsa, che ospiterà oltre 7.000 studentesse e studenti, associazioni operanti nel campo della legalità e del sociale e Forze dell’ordine che svolgeranno attività educative e laboratoriali per i giovani e per i cittadini presenti; le scuole di Palermo che apriranno le loro porte, proponendo iniziative sui temi della legalità. Tutti i partecipanti si riuniranno in due cortei, uno che partirà da Via D’Amelio e uno dall’Aula Bunker, che confluiranno all’Albero Falcone, dove si terrà il momento solenne e alle 17,58, ora della strage di Capaci, verrà eseguito “Il silenzio” in onore delle vittime.

Leggi la notizia sul sito del MIUR

FC





Tag: liceo dettori - notizie - news - comunicati -






 Scrivi alla Redazione  Versione stampabile  Invia questa pagina